sfondo4

La misura è colma.

Tempo fa un collega mi ha scritto chiedendomi di evitare di inserire mie opinioni personali quando pubblico aggiornamenti professionali sul mio blog.
In quel periodo avevo “criticato” due o tre leggi del Governo Renzi, fatte con i piedi… decisamente era come sparare alla Croce Rossa, tanto erano ambigue e scritte male!
Ho risposto che indossare una divisa è lottare per la Giustizia e per la Verità e che, pertanto, è mio dovere far notare quando una legge licenziata dai nostri governanti è sbagliata oppure quando un atto è stato fatto per secondi fini.
Dopo 38 anni che uno segue una materia, è molto difficile che analizzando una legge si possa prendere una cantonata, visto che si ha una visione completa del tutto!

Non nascondo che la richiesta del collega mi abbia dato fastidio, soprattutto la pretesa di voler avere un aggiornamento “neutro” in un servizio che fornisco gratuitamente (tengo a precisarlo!) a tutti.
Si dice che la politica sia l’arte della mediazione, ma in questo caso l’ho presa come  un tentativo di imposizione.
Portare avanti questo blog è per me un servizio ai tanti colleghi che ogni giorno tutelano i consumatori e, nello stesso tempo, un divertimento perché mi consente di mettere “alla berlina” i nostri “amati politici” smascherando le loro porcate e i loro sporchi giochetti messi in atto sulla pelle dei cittadini.

A volte si va di corsa e non si ha il tempo per documentarsi.
Ci si basa sulle notizie dei telegiornali che ascoltiamo distrattamente nelle ore dei pasti, tra un boccone e l’altro. Notizie a volte taroccate, a volte nascoste ad arte, come, recentemente lo scandalo sui rifiuti e sulle morti per cancro in Campania, smascherate dai giornalisti di Fan Page ma nascoste, con un misero trafiletto in chiusura, dai telegiornali RAI. Noi pensiamo che vada tutto bene quando in realtà tutto quello che è importante per la nostra vita ci viene sistematicamente nascosto da chi controlla l’informazione.

Ogni giorno ci parlano dei poveri migranti che arrivano a migliaia in Italia, ma nessuno ci dice che da un’informazione della DIA già 9 città italiane sono finite sotto il controllo della mafia nigeriana al cui confronto la mafia nostrana impallidisce!

Sono arroganti, prepotenti e violenti perché sono coscienti di vivere in uno Stato dove la legge tutela i delinquenti, dove se un cittadino prova a difendersi rischia di essere condannato dai Giudici a risarcire l’assalitore, dove un poliziotto se per sbaglio usa la forza per far rispettare la Legge viene condannato dal Giudice sia penalmente che civilmenete.

E’ uno Stato che va all’incontrario, dove non esiste più la certezza del Diritto, dove chi uccide viene fatto passare per matto e viene rimesso in libertà in poco tempo, mentre chi ha provato a difendere la propria famiglia o la propria attività finisce in galera e la condanna la sconta per intero.

Uno Stato che licenzia una Legge Elettorale palesemente incostituzionale, con il benestare del Presidente della Repubblica, Giudice Costituzionale, che la firma come se fosse nulla di importante, pur sapendo che condannerà l’Italia all’ingovernabilità e ai governi tecnici.
Un Governo (Gentiloni) che sceglie di abbassare i costi dell’energia alle principali industrie caricandoli sui privati (il recente servizio della Gabanelli in cui spiega le motivazioni degli aumenti di Dicembre dell’energia elettrica, del gas, della benzina, etc.)
Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=8Hq7-monuGI

E, per ultimo, ed è il motivo di questo articolo, la scellerata scelta di caricare sulla bolletta elettrica di tutti i cittadini le spese di chi l’elettricità non la paga.

Noi, cittadini onesti, che paghiamo anche l’aria che respiriamo, siamo costretti, per legge, a pagare gli insoluti degli altri!!!
Ma vi rendete conto di dove siamo arrivati?

Dove ci hanno portato i nostri governanti, servi delle banche?

Dal sito “La legge per tutti”: https://www.laleggepertutti.it/195271_bolletta-della-luce-non-pagata-novita
“[omissis] Bollette della luce non pagate: pagheremo il conto dei morosi

I morosi della luce sono in forte crescita. Sono quasi un milione le famiglie che non pagano la bolletta elettrica in Italia. Le richieste di sospensione sono state 826mila nel mercato di maggior tutela e 602mila nel mercato di maggior tutela. Nel primo caso le sospensioni revocate per avvenuto pagamento sono state il 15%, nel secondo caso il 61%. In totale si arriva a 940mila famiglie morose sulle quali pende la sospensione del servizio (dati aggiornati al 2015).

Questi dati hanno portato l’Autorità dell’Energia – che ora si chiama Arera – ad autorizzare l’inserimento di una nuova voce sulle bollette: si tratta di un contributo che pagheranno tutte le famiglie italiane a copertura degli scoperti lasciati dai morosi. Scoperti che, in passato, hanno portato al fallimento di numerose aziende del mercato libero come Esperia e Gala. Arera ha così deciso di ripartire tra gli utenti gli oneri generali di sistema, una parte della fattura elettrica, non pagati dai morosi. Si tratta delle imposte che le imprese elettriche -in qualità di sostituto d’imposta- fino ad oggi pagavano allo Stato anche per quei loro clienti che non le avevano versate.  Il fenomeno dei mancati pagamenti della bolletta della luce viene così spalmato su tutti i consumatori che, in questo modo, pagheranno il conto di chi evade la corrente.

Altre delibere ancora allo studio dovrebbero essere messe a punto nei prossimi mesi per completare le procedure con cui noi consumatori rimborseremo ciò che non è stato pagato dai furbetti della bolletta….[omissis]”.

…Sicuramente molti di voi queste notizie non le conoscevano.

Gli italiani hanno il difetto di avere la memoria corta e su questo giocano i nostri politici.

Da Ciampi, nel 1994, che con una legge autorizzò la geoingegneria, confermata nel 2002 da Berlusconi con gli accordi sul clima firmati con Bush, ci siamo riempiti di malati di Alzheimer e di cancro a causa delle scie chimiche (che ora nessuno più nega!), che rovesciano ogni giorno nell’aria che respiriamo alluminio, bario e altre sostanze tossiche.
A Monti e  alla Fornero che hanno distrutto lo stato sociale condannando i cittadini a lavorare a vita, a Renzi e a Gentiloni che in due-tre anni sono riusciti a distruggere le conquiste sindacali, la sanità, la scuola, la sicurezza.

La nostra unica possibilità, forse la nostra ultima spiaggia è il 4 Marzo prossimo.
In quel giorno gli italiani decideranno i loro futuro e quello dei loro figli.

Il consiglio che mi sento di dare a tutti è questo: IL 4 MARZO ANDATE A VOTARE!  NON ASTENETEVI!
Chi si astiene per protesta fa il gioco di quelli che ci hanno portato in questo sfascio e che contano sull’astensione per continuare a fare i loro porci comodi sulla pelle degli italiani.

Non so se lo avete notato, ma ci stanno togliendo lentamente tutto: i nostri diritti, le nostre certezze, il nostro salario e la nostra salute.
Non fate il loro gioco!

Peguy, un filosofo francese di fine ‘700 diceva: “Alla fine la Giustizia avrà sempre la vittoria sulla Forza”.
Crediamoci fermamente in questo!

IL 4 MARZO TIRIAMO FUORI L’ORGOGLIO DI UN POPOLO PER FAR RIEMERGERE LA GIUSTIZIA!

Piero Nuciari
www.pieronuciari.it

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 305 times, 1 visits today)
 
Share