sfondo4

Le malattie trasmesse grazie alla superficialità dei gestori dei pubblici esercizi e degli addetti ai controlli

 

Viviamo ormai in un Paese dove lo Stato di Diritto è divenuto una barzelletta che, peraltro, non fa più neanche ridere.
L’italiano medio si è talmente assuefatto alle continue violazioni della Legge da parte del Governo, dei Parlamentari e, addirittura, da parte del Capo dello Stato, che non ci fa più caso.

L’europa sta per togliere la data di scadenza dell’olio di oliva

 

Continua la telenovela dell’olio di oliva italiano.
Dopo l’introduzione della data di scadenza dell’olio di oliva prevista dall’articolo 7, della Legge 14 Gennaio 2013 n. 9, che tutelava la qualità dell’olio di oliva venduto in Italia, già in Europa si sta preparando un disegno di legge (disegno di legge europea 2015) teso ad eliminare questa tutela per i consumatori.

Ttip: il pericolo che viene da oltre oceano, ovvero un biglietto di sola andata!

 

Se ne parla ancora poco, ma il Ttip sta arrivando a grandi passi!
Per chi non lo sapesse, il TTIP è un trattato di liberalizzazione commerciale transatlantico, ossia un trattato che ha lo scopo di abbattere dazi e dogane tra Europa e Stati Uniti rendendo il commercio più fluido e penetrante tra le due sponde dell’oceano.

Divieto di fumo in auto a tutela dei minori – Art.24 del D.Lgs 6/2016

 

Il 2 Febbraio scorso è entrato in vigore il divieto di fumo in auto e altre novità previste dal D.Lgs. n. 6/2016, meglio conosciuto come “decreto legislativo tabacchi”, che recepisce la direttiva 2014/40/UE del Parlamento europeo e introduce norme più severe per i fumatori di sigarette.

AAA. Carabinieri Nas, Asl e Guardia di Finanza cercasi!

 

E’ la prima frase che sicuramente sarà venuta in mente ai visitatori informati che hanno partecipato alla specifica Fiera di settore SIGEP (Salone Internazionale della Gelateria Pasticceria e Panificazione Artigianali) di Rimini, dal 23 al 27 Gennaio 2016.
Scrivo “informati” perché ormai tutti, in Italia, sono a conoscenza del divieto di utilizzo dell’additivo colorante carbone vegetale E153 nel pane e prodotti da forno!

Prodotti di panetteria con aggiunta di carbone vegetale, la nota ministeriale del 12 Gennaio 2016… e se la risposta ce la facessimo dare dalla sfera di vetro?

 

Il Ministero con l’ultimo aggiornamento del 12 gennaio 2016, pubblicato a questo link , cerca di fare chiarezza inviando una NOTA aggiornata alle Regioni.
Ancora una volta salta all’occhio la scarsa chiarezza espositiva, il dire e non dire, la fumosità dei contenuti.

Pane al carbone vegetale: cosa c’è dietro?

 

Non è normale che due articoli sul pane al carbone vegetale pubblicati su questo blog abbiano visto così tanti visitatori, tanto da mandare in tilt il server che ospita il sito – per due volte di seguito – in una mattinata!
Non è normale il caos mediatico che si è generato, le prese di posizione delle varie organizzazioni dei panificatori e dei cosumatori, il servizio addirittura di Rainews24!.

Le prime denunce e i primi sequestri del pane al carbone vegetale

 

Un plauso al Corpo Forestale della Puglia che è intervenuto poche ore fa sequestrando pane, focacce e bruschette addizionate con carbone vegetale  (E153) vietato dalla legge, denunciado penalmente i fornai per frode nell’esercizio del commercio.
Finalmente qualcuno si sta muovendo in Italia per far rispettare le leggi in vigore!

Olio di oliva: la contraffazione del Made in Italy non sarà più reato

 

Che bella la politica! Abbiamo le carceri piene? Liberiamo i detenuti e depenalizziamo i reati! …E come d’incanto, il problema è risolto!
Il Governo Renzi in queste cose è insuperabile. In più, rispetto ai precedenti Governi, ha anche la sfrontatezza di spacciare le malefatte come l’ennesimo successo delle riforme a favore dei cittadini!

Pane e pizza al carbone vegetale: la legge in vigore non lo consente

 

In questi ultimi mesi stiamo assistendo ad un vero e proprio boom del pane nero; lo troviamo dappertutto, dal supermercato alla panetteria sotto casa.
E’ una moda che sta dilagando e che ha coinvolto anche grosse ditte alimentari a livello nazionale e l’80% delle pizzerie.
Recentemente Assopanificatori-Confesercenti ha fatto sapere che le vendite di questi prodotti sono aumentate nel corso dell’ultimo anno (presumibilmente grazie anche ai claims salutistici) e che il prezzo al Kg va dai 6,50 agli 8 euro, contro i 3-4 €/Kg del pane di grano duro.

cookies

Questo sito usa i cookies esclusivamente per fini statistici.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro utilizzo in conformità alla normativa vigente.

chiudi