sfondo4

Il 1° Aprile è entrato in vigore l’obbligo di indicazione dell’origine delle carni suine, ovine, caprine e pollame

 

Dopo un percorso ad ostacoli nella Ue, durato circa 13 anni, l’indicazione d’origine in etichetta delle carni diverse da quelle bovine è divenuta finalmente realtà; dal 1° Aprile 2015, per le previsioni del regolamento europeo 1337/2013, attuativo del Regolamento della Commissione europea n.1169/2011, è entrato in vigore l’obbligo di indicazione dell’origine delle carni suine, ovine, caprine e del pollame.

DM 876 del 16/01/2015 – Nuove indicazioni e modalità per l’etichettatura delle carni bovine

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 56, del 9 marzo 2015, è stato pubblicato il DM 16 Gennaio 2015 n. 876, avente come oggetto:” Nuove indicazioni e modalità applicative del Regolamento (CE) n. 1760/2000 per quanto riguarda il titolo II relativo all’etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carni bovine a seguito delle modifiche introdotte dal Regolamento (UE) n. 653/2014”.

Applicazione delle sanzioni dell’articolo 18 del D.Lgs 109/92 alle violazioni delle disposizioni del regolamento UE 1169/2011. La circolare del Ministero

 

Il 6 Marzo 2015 il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato una circolare (ponte) esplicativa sulle modalità di applicazione delle sanzioni previste dall’art. 18, del D.Lgs. 109/92, in relazione alle violazioni del Regolamento UE n. 1169/2011.

La pubblicazione dei prezzi dei carburanti (articolo 51, della legge n. 99 del 2009)

 

Dal 16 settembre 2013, è divenuto obbligatorio per i gestori di tutti gli impianti di distribuzione di carburante dell’intera rete stradale, comunicare al Ministero dello sviluppo economico i prezzi praticati per tutte le tipologie di carburanti (benzina, gasolio, gpl e metano) e per tutte le forme di vendita (con priorità per la modalità self service, se attiva durante l’intero orario di apertura), ai fini della loro pubblicazione sul sito osservaprezzi carburanti (https://carburanti.mise.gov.it/OssPrezziSearch/) , gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Finalmente le disposizioni per l’indicazione degli allergeni nella ristorazione

 

In Europa sono milioni le persone che soffrono di allergie o intolleranze alimentari.
Il problema è serio, visto che lo shock anafilattico è una sindrome clinica grave che può portare anche alla morte.
Con il Regolamento UE 1169/2011, l’Europa ha cercato di porre rimedio al problema obbligando l’indicazione degli allergeni utilizzati negli elenchi degli ingredienti dei prodotti alimentari posti in vendita.

Il controllo commerciale presso un fornaio

 

Questo video, della durata di circa un’ora, l’ho realizzato qualche anno fa.
Costituisce un esempio di come deve essere effettuato un controllo. Anche se ormai non esiste più il libretto sanitario, resta ancora attuale e utile per chi vuole imparare ad effettuare i controlli annonari.

Continua la telenovela del Decreto “Campolibero”

 

E’ proprio vero che sul Decreto “Campolibero” alla fine potremo scrivere un romanzo, visti i continui colpi di scena, le certezze che diventano incertezze, i continui tentativi di far dire alla legge cose che non dice, attraverso l’uso, ormai inflazionato, delle circolari.

IL PRIMO LIBRO DI PRATICA OPERATIVA IN MATERIA DI COMMERCIO, ANNONA E IGIENE DEGLI ALIMENTI – Edizione 2017

 

E’ finalmente disponibile il libro “Tutti i controlli negli esercizi commerciali“ Nuova edizione 2017, attualmente l’unica pubblicazione in commercio di pratica operativa in materia commerciale e igienico annonaria.
Il testo non si limita alla sola descrizione delle normative nazionali ed europee entrate in vigore negli ultimi 10 anni, ma, unico nel suo genere, le analizza applicandole al caso concreto.libro in 3d
Vengono infatti descritti i sopralluoghi presso tutte le attività commerciali a posto fisso, come debbono essere effettuati i controlli, cosa controllare, come scoprire eventuali truffe in atto, quali normative applicare e molto altro.
Il libro è destinato a diventare il punto di riferimento per tutti coloro che si occupano di commercio annona e igiene degli alimenti: Forze dell’Ordine, commercialisti, laboratori di igiene privati, uffici commercio comunali, coloro che si apprestano ad affrontare concorsi pubblici nella Polizia Municipale.
Questa versione aggiornata del libro non è distribuita in libreria ed è acquistabile esclusivamente in questo sito.
Versioni disponibili: cartacea, audiolibro, ebook , App per smartphone ANDROID.

2017

PER SAPERNE DI PIU’, CLICCA QUI

.

La depenalizzazione dei reati ad opera del Governo Renzi: finalmente facciamo anche noi parte a pieno titolo della Repubblica delle banane!

 

Il 1° Dicembre scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato uno schema di Decreto legislativo di attuazione della Legge delega 67/2014, depenalizzando diversi tipi di reato.
Il provvedimento recepisce le proposte elaborate dalla commissione ministeriale nominata con D.M. 27 maggio 2014 e presieduta dal prof. Francesco Palazzo con l’obiettivo di rivedere il sistema sanzionatorio e dare attuazione alla legge delega n. 67/2014 in materia di pene detentive non carcerarie e depenalizzazione.

Il 14 Dicembre 2014 entra in vigore il regolamento (UE) n. 1169/2011. Le novità… e le contraddizioni.

 

Il 25 ottobre 2011 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.
Come il lettore saprà, il regolamento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale UE del 22 novembre 2011, è entrato in vigore il 12 dicembre 2011 ed è pienamente applicabile nel nostro Paese  dal 14 dicembre 2014, ad eccezione delle disposizioni relative alle dichiarazioni nutrizionali, che saranno obbligatorie per tutti i prodotti a partire dal 13 dicembre 2016, mediante una tabella posta in un unico campo visivo.

cookies

Questo sito usa i cookies esclusivamente per fini statistici.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro utilizzo in conformità alla normativa vigente.

chiudi