articoliPratica operativa

Annona: il controllo metrico di un distributore di carburante

Tra le tante competenze della Polizia Locale vi è quella di Polizia Metrica.
In questo articolo spiegherò in pratica come si effettua il controllo metrico di un distributore di carburante.
Con i tempi che corrono, con il costo della vita salito alle stelle, è importante che la PG effettui anche questo tipo di controlli al fine di tutelare i consumatori da potenziali truffe.

Sulla carta il sopralluogo potrebbe risultare complesso; in realtà, come spiegato in questo articolo, è abbastanza semplice.
Per i comandi che volessero iniziare ad effettuare questo genere di controlli, consiglio di dotarsi di un Decalitro che dovrà essere validato da uno degli Organismi di verifica privati abilitati dalla propria Camera di Commercio.
Successivamente occorrerà accordarsi con l’Ispettore Metrico della Propria Camera di Commercio per effettuare qualche sopralluogo congiunto in modo di fare pratica.

Una volta acquisita sicurezza, il controllo metrico dovrebbe essere effettuato, a mio avviso, ogni 3-4 mesi.
In questo modo i consumatori sarebbero tutelati e il Comando avrebbe un rientro in termini di immagine non indifferente.

In Italia questo genere di controlli vengono effettuati esclusivamente dagli ispettori metrici delle Camere di Commercio o dalla Guardia di Finanza, perché si crede, erroneamente, che la PG non abbia competenza in merito.
In realtà, l’articolo 5, comma 8, del Decreto 21 Aprile 2017 n. 93 stabilisce che:
«8. Restano ferme le competenze degli organi di polizia giudiziaria abilitati dalle vigenti disposizioni di legge in materia di pesi e misure»

Piero Nuciari

Scarica la guida

Print Friendly, PDF & Email

Views: 180

Condividi